Allacciamento alla fognatura

Ai sensi della Legge provinciale 18 giugno 2002, n. 8 e del relativo Regolamento di esecuzione D.P.P. 21 gennaio 2008, n. 6, ogni costruzione che dista meno di 200 metri dalla civica rete fognaria (salvo i casi previsti nel Regolamento di esecuzione art.8) deve essere allacciata (a spese del proprietario) alla rete stessa. In caso di inosservanza da parte del proprietario dell'immobile, l'allacciamento viene disposto d'ufficio con addebito delle spese al proprietario.

Se la costruzione dista più di 200 metri dalla civica rete fognaria, per lo scarico delle acque nere è necessario realizzare una vasca settica tipo "IMHOFF".

 

 

Allacciamento alla rete fognaria

Per l'allacciamento alla civica rete di scarico delle acque nere e lo smaltimento in sottosuolo delle acque meteoriche occorre presentare un progetto in duplice copia costituito da:

  • Planimetria generale in scala 1:500
  • Planimetria del piano terra indicante la quota "0" e dei piani interrati in scala 1:100, con schema dell'impianto fognario ed indicazione del diametro delle tubazioni, del numero dei servizi collegati a ogni colonna montante, dei pozzetti di ispezione, del sifone di tipo "Firenze" in gres UNI EN 295, dell'eventuale disoleatore per le superfici transitabili dei garage, del dettaglio quotato del punto di innesto nella fognatura pubblica
  • Planimetria in scala 1:100 dei pluviali e sistema di smaltimento con indicata la quota assoluta del fondo degli eventuali pozzi perdenti
  • Domanda scritta (copia domanda concessione edilizia, D.I.A., ecc.)

Nota bene: Per edifici industriali, con disoleatori ed impianti di trattamento di decantazione, di costruzioni che raggiungono la falda acquifera, il progettista deve presentare triplice copia della planimetria in scala 1:100, a cui vanno allegate relazione tecnica e sezione.

Realizzazione di una vasca settica

Per la realizzazione di un impianto biologico tipo "IMHOFF", occorre presentare un progetto in duplice copia costituito da:

  • Planimetria generale in scala 1:500
  • Planimetria del piano terra e di tutti i piani interrati in scala 1:100, con le indicazioni della rete di distribuzione, dalla quale risultino i diametri dei tubi, il numero dei servizi allacciati ad ogni colonna di scarico, i pozzetti di ispezione, lo schema della vasca settica adottata ed il criterio di dispersione in funzione del numero degli abitanti, nonché il sistema di smaltimento delle acque piovane
  • Relazione comprovante la capacità del suolo di assorbire le acque depurate
  • Domanda scritta (copia domanda concessione edilizia, D.I.A., ecc.)

I progetti vanno elaborati e redatti inoltre ai sensi del Regolamento di Igiene e Polizia Urbana e del Regolamento edilizio del Comune di Bolzano.