Domande frequenti

Abbiamo raccolto qui le risposte ad alcune delle domande più frequenti relative a tutti gli ambiti delle nostre attività. Se ritiene che dovremmo aggiungere altri argomenti, ci scriva a press.seab@seab.bz.it.

Ambiente

A breve ci sarà una giornata festiva. Si farà la raccolta dei rifiuti?

Può succedere che nei giorni festivi alcuni servizi SEAB non vengano effettuati o siano differiti. Le eventuali variazioni dovute a festività sono sempre comunicate qualche giorno prima nella sezione News

Sono proprietario di un locale sfitto/non utilizzato. Devo comunque pagare la tariffa rifiuti?

La tariffa minima obbligatoria è dovuta anche se il locale e le aree non vengono utilizzati purché risultino predisposti all’uso. I locali per abitazione si considerano predisposti all’utilizzo se allacciati almeno ad uno dei servizi a rete (acqua, gas, elettricità). I locali e le aree a diversa destinazione si considerano predisposti all’uso se allacciati ai servizi a rete come sopra, di impianti, attrezzature e, comunque, quando risulti rilasciata licenza o autorizzazione per l´esercizio di attività nei locali ed aree medesimi. Per beneficare di questa riduzione della tariffa occore presentare:

  • bollette di energia elettrica per un anno solare, con un consumo medio giornaliero sotto 1 kW

Penso che una certa isola ecologica sia mal posizionata o mal composta. Cosa posso fare?

Il posizionamento delle isole ecologiche è un processo che vede coinvolto anche il Comune di Bolzano.

Se Lei è dell'opinione che una certa isola ecologica dovrebbe trovarsi in un altro punto -perchè per esempio è di intralcio al traffico urbano, pedonale o ciclistico- oppure pensa che manchino campane/contenitori, può comunicarci per e-mail la sua opinione (info@seab.bz.it - per favore indichi il punto esatto in cui l'isola si trova).

Non sempre è possibile dare un riscontro positivo a queste segnalazioni ma sicuramente una squadra tecnica le esaminerà.

Credo che nella mia fattura rifiuti ci sia un errore. Cosa devo fare?

L'importo della fattura dipende da molti fattori: numero di familiari che risultano associati alla Sua utenza, numero di unità abitative e di persone residenti nel Suo condominio/casa, numero di svuotamenti registrati del contenitore del residuo del Suo condominio/casa, ecc. (per le imprese: superficie, categoria commerciale, ecc.) Purtroppo, a causa della notevole complessità dei calcoli, per telefono non possiamo fornire informazioni o chiarimenti sulla fattura. Per domande o dubbi riguardanti una fattura, quindi, La invitiamo a recarsi personalmente agli sportelli SEAB. I nostri addetti dedicheranno tutto il tempo necessario per controllare a fondo la Sua fattura e, se necessario, apportare correzioni al sistema. Il personale allo sportello è a Sua disposizione anche per semplici chiarimenti sulla corretta lettura della bolletta. 

Non ho ricevuto la bolletta della tariffa rifiuti. Cosa devo fare?

Se non ha ricevuto o se ha perso una bolletta SEAB, Le consigliamo di registrarsi al nostro portale clienti, dove può accedere in qualunque momento alle Sue fatture di tariffa rifiuti, acqua, parcheggi e alle informazioni su ogni singolo svuotamento del Suo contenitore del residuo. La registrazione è molto semplice: al primo accesso deve creare il proprio account inserendo alcuni dati personali (nome, numero di telefono, indirizzo e-mail, codice fiscale), dopo di che riceverà via e-mail e SMS una password. Dopo la registrazione effettuata, bisogna inserire il Suo codice cliente (riportato su una fattura), per avere accesso a tutti i documenti. 

Può inoltre richiedere una copia (a pagamento) di una certa bolletta in ogni momento: scriva un'e-mail a info@seab.bz.it indicando nome, codice cliente ed indirizzo. Le spediremo al più presto una copia della fattura.

In caso di ripetuti problemi di recapito, controlli se la Sua cassetta delle lettere reca il nome corretto ed è accessibile a tutti (senza necessità di farsi aprire da qualcuno o suonare alla porta d'ingresso). 

Per evitare problemi con il puntuale pagamento delle fatture, Le consigliamo di attivare l'addebito diretto SEPA presso la Sua banca. Può trovare ulteriori informazioni in allegato ad ogni fattura e nella sezione Fatture rifiuti Bolzano o Fatture rifiuti Laives.

Il mio mastellino/sottolavello dell'organico si è rotto. Come posso averne uno nuovo?

Può acquistare un nuovo mastellino/sottolavello per l'organico presso lo Sportello SEAB a Via Lancia 4/A al prezzo di 5,56 € + Iva.

Il mio bidone non è stato svuotato! Cosa devo fare?

Invii una breve e-mail a info@seab.bz.it indicando l'indirizzo esatto, la data del mancato svuotamento, il tipo di contenitore che non è stato svuotato (organico o residuo) e la tipologia dell'utenza (domestica o aziendale). Un addetto SEAB si occuperà in tempi brevissimi del problema.

Quando ricevo la bolletta rifiuti?

I clienti domestici ricevono in totale 3 bollette per la tariffa rifiuti all'anno:

  • nel primo semestre: la prima bolletta in acconto, con riferimento al periodo gennaio-maggio 2016;
  • nel secondo semestre: la seconda bolletta in acconto, con riferimento al periodo giugno-ottobre 2016;
  • in primavera dell'anno successivo: una bolletta che contiene gli ultimi due mesi dell'anno ed il conguaglio dell'intero anno.

I clienti non domestici ricevono in totale 4 bollette all'anno per la tariffa rifiuti:

  • aprile: la prima bolletta in acconto, con riferimento al periodo gennaio-aprile;
  • agosto: la seconda bolletta in acconto, con riferimento al periodo maggio-agosto;
  • dicembre: la terza bolletta in acconto, con riferimento al periodo settembre-dicembre;
  • in primavera dell’anno successivo: la bolletta che contiene il conguaglio dell'intero anno.

Gli acconti vengono calcolati sul 90 % del volume conferito l'anno precedente, rapportato al periodo della bolletta. Nella bolletta di conguaglio viene verificato se durante l’intero arco dell’anno sia stata superata la quantità di rifiuti inclusa nella tariffa minima. L'acconto calcolato per ogni singolo quadrimestre (90 % della produzione rifiuti dell'anno precedente) verrà ricalcolato su base annua.

I clienti che hanno bisogno di una spiegazione sulla loro fattura o credono che la loro fattura contenga errori, sono invitati a recarsi presso gli sportelli SEAB di via Lancia, per ricevere chiarimenti. Vista la complessità del calcolo, non è possibile fornire informazioni telefoniche.

Come si riconoscono i rifiuti pericolosi?

Il modo più semplice per riconoscere i rifiuti pericolosi è verificare se sull'imballaggio originale del prodotto sono stampati i simboli sotto riportati.

Se l'imballaggio - un barattolo, flacone o una confezione -  reca uno dei pittogrammi di pericolo e non può essere svuotato e pulito completamente, è da considerare rifiuto pericoloso e pertanto deve essere conferito al Centro di riciclaggio o alla raccolta mobile. In nessun caso deve essere smaltito con i normali rifiuti residui o nella differenziata.

Un consiglio per la sicurezza: sostanze e prodotti pericolosi devono essere sempre conservati nel loro imballo originale. I simboli di pericolo e le informazioni sulla sicurezza stampate sugli imballaggi sono importanti per la gestione sicura di questi prodotti pericolosi per la salute e l'ambiente.

Immagine: confronto tra simboli di pericolo vecchi e nuovi

Come risparmiare sulla tariffa rifiuti?

Alcuni consigli utili per ridurre il numero degli svuotamenti del residuo:

Gestire responsabilmente il proprio contenitore del residuo significa:

  • esporre sul punto di raccolta solo bidoni pieni, perché ogni volta viene contato il volume totale del bidone.
  • in caso di movimentazione/bidoni su strada: se non deve essere movimentato o svuotato, collocare sul bidone in modo ben visibile un avviso, che indichi: “Prego non svuotare/movimentare”.
  • se un condominio ha più bidoni a disposizione, riempirli uno dopo l’altro, e portare al punto di raccolta solo il bidone pieno.
  • compattare bene i rifiuti, in modo che occupino meno spazio possibile nel bidone del residuo.

Fare una corretta raccolta differenziata:

  • separare accuratamente tutti i materiali riciclabili e buttare nel bidone condominiale solo rifiuti non differenziabili.
  • consegnare al Centro di riciclaggio tutti i rifiuti consentiti (es.. imballaggi in Tetra Pak, oggetti in plastica, rifiuti elettrici, ingombranti, ferro, legno, ecc.).

Produrre meno rifiuti (residui):

  • scegliere prodotti senza imballaggio o con imballaggi in materiale riciclabile (carta, cartone, vetro).
  • bere l’acqua del rubinetto, evitare prodotti usa e getta, scegliere sempre confezioni formato famiglia.

Come posso controllare quando e con che frequenza viene svuotato il mio cassonetto del residuo?

Nel nostro Portale clienti online è possibile controllare in qualsiasi momento gli svuotamenti registrati del cassonetto del residuo della Sua casa/condominio/azienda. Si registri al portale seguendo le istruzioni di registrazione (è necessario indicare il codice del servizio e il codice cliente, entrambi riportati nell'ultima fattura rifiuti che ha ricevuto).

Perché ossa e gusci d'uovo non vanno nell'organico?

Anche se ossa, noccioli di frutta, molluschi, gusci d'uovo e di noci sono effettivamente rifiuti organici, a Bolzano non devono essere buttati nell'organico. I nostri rifiuti organici vengono portati nell'impianto di fermentazione di Lana per essere trasformati in biogas, mediante un processo tecnicamente complesso. I rifiuti organici duri hanno i tempi di decomposizione troppo lunghi per sostenere questo processo ed inoltre possono danneggiare le lame del frantumatore dell'impianto di fermentazione.  

Di conseguenza, preghiamo tutti di rispettare le regole e di smaltire i suddetti rifiuti organici duri con il residuo. In caso di dubbio se un particolare rifiuto possa andare nell'organico, consulti il nostro Riciclabolario.

Perché non posso usare sacchi compostabili (mater-bi) per l'organico?

Anche se i cosiddetti “sacchi ecologici” (mater-bi) recano la scritta “100% compostabile”, non sono adatti per la raccolta dell'organico a Bolzano. I nostri rifiuti organici vengono portati nell'impianto di fermentazione di Lana per essere trasformati in biogas e compost mediante un processo tecnicamente complesso. Il tempo di degradazione di questi sacchi ecologici, significativamente più lungo rispetto agli altri materiali raccolti, influirebbe sull'intero processo. Inoltre, questi sacchi spesso si incastrano tra le lame del frantumatore causando dei guasti al sistema. Pertanto La invitiamo a utilizzare solo i sacchi di carta forniti da SEAB (i clienti privati possono ritirarli gratuitamente, in ogni momento, agli sportelli SEAB). In alternativa può usare sacchetti di carta per alimenti senza finestre in nylon (per esempio, quelli del pane). Altri sacchetti di carta (ad esempio le buste dei negozi di abbigliamento) non sono adatti.

Dove posso prendere altri sacchi di carta per l'organico?

Nei primi mesi di ogni anno SEAB effettua la distribuzione gratuita porta a porta dei sacchetti di carta per la raccolta differenziata dei rifiuti organici. In questo modo entro fine aprile di ogni anno ogni utenza riceve un pacchetto di ca. 100 sacchetti. Le utenze che ancora prima della nuova distribuzione hanno finito i sacchetti in carta possono ritirare gratuitamente un nuovo plico presso gli sportelli SEAB, presentando un documento di riconoscimento.

Dove posso prendere i nuovi sacchi dotati di chip per i rifiuti residui (per i clienti del centro storico)?

Le utenze private e le aziende del centro storico che per lo smaltimento dei rifiuti residui usano sacchi con chip, possono ritirare gratuitamente sacchi nuovi:

Per il ritiro è necessario presentare i seguenti documenti:

  • ultima fattura rifiuti
  • documento di riconoscimento valido dell'intestatario del contratto (o una delega da parte di quest'ultimo).

C'è anche la possibilità di chiedere la consegna a domicilio: è sufficiente inviare un'e-mail a info@seab.bz.it allegando l'ultima fattura rifiuti ed una copia del documento di riconoscimento. La prima consegna è gratuita, quelle successive sono a pagamento. Si veda il listino prezzi per prestazioni.

Dove si smaltisce il terriccio per piante?

Piccole quantità (1-2 vasi circa) di terriccio per piante possono essere smaltite con i rifiuti residui. Piccole quantità di terriccio attaccate alle radici possono anche essere conferite insieme alle piante stesse nel cassonetto blu per i rifiuti da giardinaggio o al Centro di raccolta rifiuti verdi in Via Volta.

Dove smaltisco una vecchia bici?

Se vuole smaltire una vecchia bici intera - in un pezzo - può rivolgersi alle ditte spezializzate in smaltimento rifiuti, ovvero ai produttori/venditori di questi prodotti. 

Per smaltire una bici al Centro di riciclaggio, bisogna prima separare i singoli pezzi, per poi buttare i singoli materiali negli appositi contenitori: le gomme vanno nel contenitore per i pneumatici, i cerchi e il telaio nel contenitore per metalli.

Dove posso smaltire le cartucce della stampante della mia azienda?

Se Lei è un cliente aziendale e deve smaltire rifiuti pericolosi come le cartucce per stampante, può rivolgersi al rivenditore o a ditte specializzate. Solo gli utenti privati possono portare le cartucce della stampante e altri rifiuti pericolosi al Centro di riciclaggio o presso i centri mobili per la raccolta di materiali inquinanti.

Un'azienda dove deve conferire i propri rifiuti pericolosi?

La SEAB raccoglie esclusivamente i rifiuti pericolosi delle utenze domestiche. I clienti aziendali devono rivolgersi ai rivenditori (es.: per lo smaltimento delle cartucce per stampanti) o a ditte specializzate in smaltimento di sostanze pericolose.

Città

Sono previsti sconti per tempi di sosta prolungati o speciali tariffe giornaliere?

Le tariffe dei parcheggi SEAB in struttura e delle zone blu sono approvate dal Consiglio Comunale di Bolzano e pertanto si applicano senza eccezione a tutti gli utenti dei parcheggi. Sono tutte pubblicate sul nostro sito web. Non sono previste tariffe speciali né sconti per tempi di sosta prolungati. Solo i clienti commerciali (aziende/imprese con partita IVA) hanno a disposizione diverse offerte, consultabili alla pagina Offerte parcheggio per clienti commerciali.

Come posso ricevere il "Contrassegno rosa" per i parcheggi blu?

Il contrassegno rosa è nominativo e viene rilasciato a donne, residenti a Bolzano, in gravidanza a partire dalla tredicesima settimana, e/o alle madri fino al compimento del primo anno di vita del bambino. Sarà comunque utilizzabile anche dal padre del bambino, dopo la nascita del/la bimbo/a e fino al compimento del primo anno di età. 

È valido solo sui parcheggi blu in superficie, sul territorio del Comune di Bolzano, da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 19.00. Va sempre esposto insieme al disco orario e consente il parcheggio gratuitamente per massimo due ore al giorno.

Dopo la nascita del/la bambino/a, il contrassegno va rinnovato, e può essere utilizzato solo per il trasporto effettivo del bambino, quindi solo in sua presenza, fino al compimento del primo anno di vita. Per ottenere il contrassegno rosa, si deve compilare l'apposito modulo disponibile presso l'URP ed i Centri Civici, in cui si dichiara la residenza, il numero di targa dell'auto di proprietà, o di altro proprietario - da indicare nel modulo - se data in uso.

Il modulo compilato va consegnato presso l'URP ed i Centri Civici esibendo il certificato medico ginecologico attestante la data presenta del parto. Per i bambini già nati e fino al compimento del primo anno di età, invece, sul modulo se ne indica nome, data di nascita, residenza e i nomi dei genitori.

Per ulteriori informazioni e per scaricare i moduli necessari visiti questo sito (link esterno alla pagina del Comune di Bolzano).

Reti

Credo che nella fattura acqua e fognatura ci sia un errore. Cosa devo fare?

L'importo della fattura dipende da svariati fattori. Purtroppo, a causa della notevole complessità dei calcoli, per telefono non possiamo fornire informazioni o chiarimenti sulla fattura. Per domande o dubbi riguardanti una fattura, quindi, La invitiamo a venire personalmente agli sportelli SEAB. I nostri addetti dedicheranno tutto il tempo necessario per controllare a fondo la Sua fattura e, se necessario, apportare correzioni nel sistema. Il personale allo sportello è a Sua disposizione anche per semplici chiarimenti sulla corretta lettura della bolletta. 

Non ho ricevuto la bolletta dell'acqua. Cosa devo fare?

Se non ha ricevuto o se ha perso una bolletta SEAB, Le consigliamo di registrarsi al nostro portale clienti, dove può accedere in qualunque momento alle Sue fatture di tariffa rifiuti, acqua, parcheggi e alle informazioni su ogni singolo svuotamento del Suo contenitore del residuo. La registrazione è molto semplice: al primo accesso deve creare il proprio account inserendo alcuni dati personali (nome, numero di telefono, indirizzo e-mail, codice fiscale), dopo di che riceverà via e-mail e SMS una password. Dopo la registrazione effettuata, bisogna inserire il Suo codice cliente (riportato su una fattura), per avere accesso a tutti i documenti. 

Può inoltre richiedere una copia (a pagamento) di una certa bolletta in ogni momento: scriva un'e-mail a info@seab.bz.it indicando nome, codice cliente ed indirizzo. Le spediremo al più presto una copia della fattura.

In caso di ripetuti problemi di recapito, controlli se la Sua cassetta delle lettere reca il nome corretto ed è accessibile a tutti (senza necessità di farsi aprire da qualcuno o suonare alla porta d'ingresso). 

Per evitare problemi con il puntuale pagamento delle fatture, Le consigliamo di attivare l'addebito diretto SEPA presso la Sua banca. Può trovare ulteriori informazioni in allegato ad ogni fattura e nella sezione Fatture acqua e fognature.

Domande generali

Come si attiva l'addebito diretto SEPA?

L'addebito diretto SEPA è il sistema più comodo e semplice per pagare le fatture SEAB perché, anche in caso di assenza prolungata o di mancato recapito della fattura (per cause impreviste), Le dà la sicurezza che i pagamenti saranno effettuati in tempo, evitando l'addebito degli interessi di mora. L'attivazione è semplicissima!

Scarichi il modulo del mandato di addebito diretto SEPA (per clienti privati e/o commerciali), lo compili e ce lo invii per e-mail o fax o lo consegni personalmente allo sportello SEAB competente (Bolzano o Laives):

La Sua banca le fornirà tutti i dati necessari per la compilazione del modulo.

Come posso pagare le bollette/fatture SEAB e ricevere rimborsi?

Le bollette o fatture di SEAB S.p.A. possono essere pagate entro la data di scadenza indicata in bolletta, nei seguenti modi:

  • con un mandato per addebito diretto bancario o postale (SEPA), attivato anteriormente alla data di emissione della fattura stessa - scarica modulo;
  • presso uno sportello bancario usando il tagliando bancario "freccia";
  • presso un qualsiasi sportello postale usando il bollettino postale allegato;
  • gratuitamente con bollettino "freccia" presso tutti gli sportelli della Cassa di Risparmio presenti sul territorio comunale di Bolzano;
  • online collegandosi al sito www.poste.it;
  • tramite home banking, indicando nella causale di versamento come primo elemento il numero della bolletta, presente sulla prima pagina della bolletta stessa (es.: 2016/07/XXXXXX).

Estremi bancari: Cassa di Risparmio - IBAN: IT78 F060 4511 6000 0000 0090 900 

 

Rimborsi: le bollette a credito saranno rimborsate dalla SEAB nei seguenti modi:

  • se attivato l‘addebito bancario diretto (SEPA) a mezzo bonifico;
  • se non attivato l‘addebito bancario diretto (SEPA), a mezzo bonifico, su richiesta scritta del cliente con indicazione delle coordinate ban­carie complete (IBAN) - scarica modulo di richiesta;
  • importi di piccola entità verranno conguagliati nella fattura successiva.

Prima di effettuare il rimborso, SEAB S.p.A. si riserva di verificare se tutte le fatture precedenti risultano pagate.

 

Scadenze e ritardi di pagamento

Il pagamento delle bollette deve essere effettuato entro il termine di scadenza indicato sulla bolletta medesima. In caso di mancata regolarizzazione delle fatture, SEAB emetterà un sollecito di pagamento, con invito al saldo entro il termine di 10 giorni di calendario dalla data di ricevimento del sollecito. Le spese di sollecito verranno addebitate sulla successiva fattura. Per il ritardato pagamento delle bollette verranno applicati gli interessi di mora pari al tasso ufficiale di riferimento maggiorati di 5 punti percentuali, con un importo minimo di € 5,00. Gli interessi di mora decorreranno dalla data di scadenza della bolletta.